Blog Author by webmaster
Date: 28 Gen 2020

Ancora sull’auto connessa…

riesci a trovare le differenze?

Riesci a individuare le differenze? E intendo le differenze tecniche (non i colori ovviamente)…

Innanzitutto lascia che ti dica alcuni fatti:

  1. Il dongle cinese (Ton Won) era sul mercato con 3 anni di anticipo sugli altri 3 pezzi.
  2. Tutti montano lo stesso chipset: ELM37
  3. Quali dati possono essere letti, dipende dal protocollo OBDII che il firmware è in grado di leggere.
  4. Niente di tutto ciò collega la tua auto. I DONGLE leggono i dati dal veicolo e li inviano ad un server sfruttando la connessione dati dell’utente (sì, non funzioneranno se il telefono cellulare dell’utente non è collegato via Bluetooth al dongle).

Ora che queste differenze sono chiare, parliamo dei prezzi.

Quello cinese (Ton Won) è venduto al mercato a $5,00 per unità (il prezzo scende per quantità all’ingrosso). Stiamo parlando di una commissione una tantum.

Tutti gli altri vanno da €75,00 a €99,00 per ANNO!

ASSURDO VERO?

Ma il pricing non è la cosa più folle.

I produttori delle versioni più costose affermano che i loro prodotti sono in grado di eseguire funzionalità quali:

    Monitoraggio. FALSO! Il monitoraggio viene eseguito dallo smartphone dell’utente.
    Rilevamento di incidenti. FALSO! Fatto anche affidandosi all’accelerometro dello smartphone dell’utente.
    bCall o chiamata SOS. FALSO! Il segnale viene inviato dall’utente dal proprio smartphone.
    Invio dei KM e DTC alla concessionaria. FALSO! Il valore del contachilometri non è leggibile tramite OBD e i DTC non vengono inviati da nessuna parte se l’utente non è collegato al dongle con il suo smartphone.

    LA REALTÀ

    Tutti questi dispositivi hanno bisogno dello smartphone dell’utente per funzionare. Se il conducente ha il Bluetooth disattivato, o se cambia smartphone o se non sta guidando il suo veicolo, tutti i dati OBD vengono persi per sempre (questi dispositivi non dispongono di memoria interna).

    SOLUZIONI?

    Abbiamo ingegnerizzato una soluzione molto più affidabile in quanto il dongle non necessita affatto dello smartphone dell’utente. Si collega ad un piccolo dispositivo che possiede una connessione dati autonoma e consente il monitoraggio del veicolo in tempo reale, rileva eventuali incidenti ed offre dozzine di servizi incredibili.

    Tutti i dettagli qui.

    PARLIAMONE

    Se vuoi saperne di più sulle nostre soluzioni (Connettiamo le moto di MV AGUSTA e veicoli di KIA trai tanti altri), prenota oggi una chiamata con noi.

    I nostri migliori saluti
    Mobisat®

Blog Author by webmaster
Date: 1 Ott 2017

eCall


Mobisat® VCDR: Video Crash Dynamic Report

Nessuno vuole che accadano incidenti, specialmente le 38.000 persone che rimangono uccise e le 1,6 milioni di persone che rimangono ferite negli incidenti stradali in Europa ogni anno.

eCall – il sistema di emergenza Europeo in-veichle, velocizza i tempi di intervento dei soccorsi in caso di incidente.

Questo può aiutare a ridurre il numero di morti e di feriti causati dagli incidenti.

Ogni secondo è importante!

Un automobile senza eCall non ha una risposta automatica dopo un incidente.

Ogni momento è cruciale dopo un incidente. Ogni secondo perso potrebbe mettere a rischio la nostra vita.

La tecnologia eCall esiste da almeno dieci anni, ma ora è arrivato il momento di installarla su tutte le automobili.

eCall richiede l’upgrade dei PSAP – Public Safety Answering Points – in modo da renderli in grado di gestire le eCall fornendo i dati sensibili relativi all’incidente stradale, quali:

  • la posizione
  • l’orario
  • informazioni sul veicolo
  • informazioni sul guidatore
  • la gravità dell’incidente

Per aiutare i servizi PSAP a distinguere gli incidenti dalle collisioni minori, Mobisat® inventa la technologia VCDR: Video Crash Dynamic Report. Un video esauriente di 10 secondi mostra la dinamica di ogni incidente e l’attività del veicolo su una mappa virtuale.

Lavoriamo insieme per rendere eCall una realtà.
Mobisat®

Blog Author by webmaster
Date: 18 Giu 2017

CERCASI 50 BETA TESTERS!

poi

Cari Mobisat fan!

Ultimamente abbiamo rilasciato diversi aggiornamenti sul servizio Greenbox (che presto presenteremo nei dettagli su queste pagine):

– Video simulazione della dinamica di un Crash
– Nuova cartografia (OSM)
– Nuovo motore geo intelligence per i servizi di posizionamento
– Nuovo motore telematico per la diagnosi remota dei veicoli

Il tutto arriva ai nostri clienti nel totale rispetto della filosofia Mobisat: SENZA CANONE!

Ma ora abbiamo bisogno di voi!
Stiamo per rilasciare un imponente update che siamo sicuri apprezzerete:

POI – POINT OF INTEREST
La nuova funzionalità vi consentirà di creare punti di interesse sulla cartografia (disegnando cerchi, rettangoli e poligoni).
Potrete richiedere che un evento (o allarme) venga generato quando un oggetto (sistema satellitare, veicolo, persona, ecc) entra (target) o esce dall’area designata.

I POI saranno di 2 tipi:

  1. Privati: I POI che creerete saranno visibili solo nel vostro account greenbox.
  2. Pubblici: Potrete decidere di condividere POI con la comunità degli utenti Mobisat.

I POI saranno raggruppabili in categorie:
– area a traffico limitato
– alberghi
– ristoranti
– landscapes-
– clienti
– fornitori
– enti pubblici
– autoconcessionarie
– bar
– stadi
– eventi sportivi
– cinema
– aree di servizio
– ecc.

La nuova release sarà disponibile da settimana prossima in versione BETA e solo 50 utenti avranno la possibilità di accedere al programma (gratuitamente).

Se sei interessato/a a diventare un nostro beta tester scrivici un messaggio con il tuo indirizzo email (deve essere la mail con cui accedi a greenbox).

Nota Bene:
– solo i primi 50 potranno accedere al programma
– solo gli utenti in italia potranno partecipare al programma
– la release verrà rilasciata Lunedì 26 Giugno e l’ultimo giorno per iscriversi è Domenica 25 Giugno
– i beta tester potranno inviarci il loro feedback tramite ticket da questa pagina.

Tutto chiaro?
Potete iscrivervi da ora 🙂

I nostri migliori saluti
Mobisat®